Contattaci subito: 055 5387207
la chirurgia plastica estetica

Chirurgia del seno Firenze | Mastoplastica, Mastopessi e Ginecomastia

Primavera nell’aria, è il momento giusto per la “biorivitalizzazione”

· Medicina estetica, News · Comments Off on Primavera nell’aria, è il momento giusto per la “biorivitalizzazione”

La stagione fredda è un periodo particolarmente stressante per la cute del viso, sottoposta a sbalzi di temperatura ogni volta che dal freddo tagliente si passa all’aria calda e secca degli ambienti chiusi; tante ore passate al lavoro, magari davanti al computer, la stanchezza accumulata durante i lunghi mesi invernali. Il risultato è una pelle arida, dal colorito spento, borse e occhiaie più evidenti, i segni dell’età che sembrano ogni giorno più marcati. La soluzione è agire dall’interno con la Biorivitalizzazione, restituendo alla pelle la vitalità perduta.

Per ciascun paziente il protocollo più adatto

Quando si parla di biorivitalizzazione o biostimolazione usiamo il termine “protocollo”, perché?
Perché si tratta un vero e proprio “iter”, estremamente personalizzato sulla base delle esigenze specifiche di ogni paziente, che passo dopo passo ci permette di raggiungere l’obbiettivo stabilito.
Rispetto ai singoli trattamenti occasionali offre il vantaggio di un risultato più evidente e completo, ottenuto grazie alla sinergia che si crea fra le varie tecniche e i prodotti specifici per ogni momento della cura.

Indispensabile reidratare!

Quando si parla di salute della pelle (perché in questo caso dicendo salute si dice bellezza) il primo passo è sempre ripristinare il livello ottimale di idratazione, non a caso è l’Acido Ialuronico, con la sua prerogativa unica di attrarre e trattenere molte molecole di acqua nella struttura della pelle, la principale risorsa in ogni protocollo di bellezza che si rispetti.
L’Acido Ialuronico non si limita a ripristinare un livello di idratazione ottimale, studi scientifici hanno provato il suo ruolo nella stimolazione della produzione di acido ialuronico endogeno, nonché la sua capacità di rallentare il naturale processo di disgregazione di importanti molecole vitali. Con l’Acido Ialuronico non sono la pelle è reidratata, appare più turgida e priva di rugosità, ma riceve anche uno stimolo ad aumentare la sua naturale attività, con effetti a lungo termine.

Iniezioni di vitalità per la pelle

Nei trattamenti di biorivitalizzazione di solito all’Acido Ialuronico aggiungiamo composti che svolgono funzioni specifiche: aminoacidi (L-prolina, glicina, L.lisina e L. leucina), precursori biologici dei componenti della cute che hanno un ruolo chiave nella formazione di nuovo collagene e acido ialuronico, complessi vitaminici che migliorano la sintesi del collagene e contrastano i radicali liberi e eccesso di melanina, vari oligoelementi, come il magnesio, fondamentali per il rinnovamento cellulare, coenzimi, che incrementano il metabolismo cutaneo.

Biorivitalizzazione senza aghi

Nonostante le normali tecniche di biorivitalizzazione prevedano l’impiego di aghi corti e sottilissimi, che di fatto rendono le sedute del tutto indolori e senza tracce visibili sulla pelle, esistono trattamenti alternativi che si effettuano senza aghi, sulla superficie cutanea. E’ il caso, ad esempio, del “PRX-T33”, un esclusivo presidio medico CE coperto da brevetto internazionale, che consente di ottenere un ottimo effetto di biorivitalizzazione tramite l’applicazione sulla cute di viso, collo e décolleté di un gel al TCA 33% modulato con perossido di idrogeno, in una speciale formula che rende questa concentrazione non aggressiva e priva di effetti indesiderati. Questo trattamento, al pari della biorivitalizzazione classica, richiede 3/5 sedute, da ripetere a distanza di una decina di giorni l’una dall’altra.

Quando è necessaria un’azione più decisa

La biorivitalizzazione è utile ad ogni età, anche quando la pelle non mostra ancora i segni del tempo, proprio per preservarne a lungo la bellezza e la vitalità prevenendo e ritardando il fisiologico processo di invecchiamento. L’appuntamento annuale con un ciclo di tre/quattro trattamenti, rapidi e indolori, è la migliore arma per prevenire i danni ossidativi e la miglior preparazione che possiamo offrire alla pelle prima di altri trattamenti di medicina estetica, come filler o tossina botulinica.
Quando andiamo a trattare una pelle matura, però, dobbiamo tener conto dei danni già avvenuti: in qualche caso può essere utile integrare nel protocollo di biorivitalizzazione trattamenti specifici per la ristrutturazione del derma, come ad esempio Ellansé™, che svolge la doppia azione di filler riempitivo e stimolatore della produzione del collagene. Anche i fili di sospensione e bioristrutturazione, come Silhouette Soft®, sono in grado di svolgere un’azione rigenerativa, grazie soprattutto all’Acido Polilattico di cui sono composti, che stimola i fibroblasti della cute e favorisce la sintesi del collagene.

Tecnologie che donano un effetto lifting

I fili sono una risorsa semplice e efficace sia per il viso che per altre aree del corpo, ma se abbiamo la necessità di un’azione profonda, che inneschi un processo di rigenerazione della pelle, possiamo includere nel protocollo di ringiovanimento le più efficaci tecnologie elettromedicali di ultima generazione, come Ultherapy.
Ultherapy sfrutta la potenza degli ultrasuoni per favorire la retrazione delle fibre elastiche, con un immediato “effetto lifting”, ma al tempo stesso è in grado di dare un forte stimolo alla produzione di nuovo collagene nel derma, in una sola seduta di durata inferiore a un’ora.
Se ci sono le indicazioni, Thermage® è un’altra alternativa estremamente efficace, che grazie alla radiofrequenza monopolare stimola i tessuti con un forte riscaldamento controllato, in grado di innescare in profondità un processo rigenerativo che prosegue nei mesi successivi, per eliminare lassità e perdita dei contorni del volto e di altre aree del corpo.

Cure efficaci, non solo per il viso

Per concludere, un serio protocollo di biorivitalizzazione, basato sulla sinergia di vari trattamenti studiati in base alle esigenze specifiche della paziente, ci dà la possibilità di restituire alla pelle le sue caratteristiche naturali di idratazione, elasticità e morbidezza, proteggendola dall’azione dannosa dei radicali liberi, per mantenerla giovane e sana più a lungo.
Il meccanismo della biorivitalizzazione (biostimolazione, bioristrutturazione) contrasta alla radice i processi di invecchiamento in modo naturale, stimolando le funzioni fisiologiche delle cellule cutanee. Le applicazioni naturalmente non riguardano solo viso, collo, décolleté, ma anche molte altre aree del corpo come il seno, il dorso delle mani, le braccia, l’interno cosce, la pancia e altre zone critiche.