Contattaci subito: 055 5387207
la chirurgia plastica estetica

Chirurgia del seno Firenze | Mastoplastica, Mastopessi e Ginecomastia

Lipofilling: la rivoluzione nei trattamenti di ringiovanimento del viso

· Chirurgia estetica, News · Comments Off on Lipofilling: la rivoluzione nei trattamenti di ringiovanimento del viso

Sul volto i segni dell’età si manifestano sotto varie forme. Il lipofilling è una metodica mini invasiva che ci consente di combatterli su tutti i fronti, ottenendo un vero e proprio effetto rigenerante che ci porta in notevole vantaggio rispetto all’età anagrafica.
Un recente sondaggio, condotto dai ricercatori del Centro Medico Universitario NYU Langone su un campione di chirurghi plastici americani, evidenzia che una percentuale elevatissima di essi considera il lipofilling una risorsa indispensabile nel suo lavoro.

 

E’ difficile spiegare la dinamica dell’invecchiamento del volto in poche parole: i segni che lo caratterizzano sono infatti numerosi e diversificati. Possiamo ripartirli in tre grandi categorie, a ognuna delle quali di solito corrisponde un approccio terapeutico specifico:

  • la prima categoria include la comparsa sulla superficie cutanea di discromie, macchie, teleangectasie (i reticoli di piccole vene dilatate che segnano il naso e le guance), ma anche linee sottili e rughe. Di solito per attenuare questi inestetismi ricorriamo a laser e altre tecnologie, come la radiofrequenza abbinata aultrasuoni.
  • la seconda categoria include i segni di cedimento della cute, che perde tono, elasticità e compattezza, mostrandosi “cadente”; naturalmente siamo in grado di risollevare la cute e eliminarne l’eccesso solo con un approccio chirurgico, anche se i protocolli di biorivitalizzazione e le moderne tecnologie elettromedicalipossono offrirci in molti casi apprezzabili miglioramenti.
  • La terza categoria è rappresentata dai segni di atrofia del volto, l’ effetto di “svuotamento” e appiattimento delle aree molli di guance e zigomi, che ci fa apparire stanchi e privi di vitalità. Il cedimento dei tessuti rende anche i contorni del volto poco definiti e l’area perioculare scavata, i lineamenti si modificano inesorabilmente e l’unico modo per riacquistare l’espressività che il nostro viso aveva qualche anno prima è ricreare i volumi perduti.

Com’è possibile ridare volume alle aree del volto?

Per riempire alcune aree del volto possiamo avvalerci di vari tipi di sostanze riempitive, i filler, che rappresentano una preziosa risorsa per la medicina estetica, ma se vogliamo ricreare la condizione naturale di un volto giovanile è indispensabile invece ricorrere al grasso autologo.
L’ innesto di grasso infatti riporta i tessuti del viso nella condizione fisiologica dell’ età giovanile, caratterizzata da tratti morbidi ma tonici, tempie e contorni soffici e delicati, volume di guance e zigomi evidenziato con grazia.
Questa condizione di normalità è dovuta proprio al fatto che in un viso giovane è presente una quantità ideale di grasso sottocutaneo.

Il lipofilling quindi è solo un riempimento?

Il lipofilling è qualcosa in più di un semplice “riempimento” delle aree dove si verifica una perdita di volume; possiamo dire che si tratta di un rimedio efficace e naturale per cancellare tutti i segni dell’invecchiamento, perché agisce in sinergia su più fronti. Con il grasso autologo non andiamo solo a migliorare e definire il profilo della mascella, eliminare i solchi delle occhiaie, rendere gli zigomi più prominenti, riempire le rughe e gli avvallamenti, ma anche a svolgere un’azione rigenerativa sui tessuti, che migliorano anche sotto l’aspetto della compattezza e del colorito.
Questo semplice intervento ci offre risultati sorprendenti a fronte di rischi minimi: utilizzando il materiale più naturale che si possa rolex datejust replica immaginare non si corre alcun pericolo di reazioni avverse.

L’intervento ha risultati duraturi?

Grazie alle strumentazioni più avanzate e alle attuali tecniche conservative le cellule adipose prelevate dal paziente vengono trattate con la massima delicatezza in ogni fase, per preservarne la vitalità. In questo modo si è aggirato l’unico limite del lipofilling, che era rappresentato dalla possibilità di un parziale riassorbimento del grasso infiltrato da parte dell’organismo, che rendeva necessario in alcuni casi ripetere periodicamente il trattamento.
Non a caso, i risultati di un recente sondaggio condotto dai ricercatori del “Langone University Medical Center” di New York ha evidenziato che il ricorso sistematico al lipofilling (anche come procedura complementare al lifting del viso), rappresenta ormai la scelta dell’85% dei membri dell’ American Society of Plastic Surgeons, il più grande gruppo di specialisti in chirurgia plastica in tutto il mondo.

Per approfondimenti consigliamo una visita alla nostra pagina che parla del Lipofilling al volto.